Il complesso aziendale che ospita la Cooperativa La Bella di Cerignola risale all’anno 1886. È ubicato in Cerignola, storico centro agricolo e agroalimentare del Tavoliere delle Puglie, presso l’azienda Santo Stefano dei conti Pavoncelli.

Si tratta di un complesso di edifici storici realizzati dalla Famiglia Pavoncelli per ospitare uno dei più grandi stabilimenti industriali agrari del XIX secolo, del Mezzogiorno d’Italia. A Santo Stefano venivano prodotti grandi vini, tra cui, si ricorda il “Santo Stefano” – vino rosso ottenuto dal vitigno Nero di Troia, il “Mistella” – vino liquoroso tipo Porto, nonché il vino per la “Compagnie Internazionale des Wagon-Lits”. A Santo Stefano venivano lavorati anche tabacchi delle migliori qualità.

Tra gli oli, si ricorda l’Olio d’Oliva delle Grandi Tenute Pavoncelli, ottenuto da olive della varietà Coratina e commercializzato sia in bottiglie di vetro sia in eleganti latte a banda stagnata. A Santo Stefano venivano anche trasformate olive da tavola, commercializzate in latte a banda stagnata come “Olive da Tavola Aziende Agricole Pavoncelli Cerignola”.

Di certo, questa fu la prima esperienza di tipo industriale per le conserve alimentari, nella città di Cerignola. Nel tempo, la lavorazione delle olive da tavola ha assunto un’importanza tale da rendere Cerignola uno dei centri più importanti al mondo per la trasformazione delle olive da mensa. Negli Anni Novanta, dopo un breve periodo d’inattività, l’imponente e storico complesso aziendale di Santo Stefano ha visto riavviate, parzialmente, le attività di trasformazione, in particolare dell’oliva da mensa Bella di Cerignola. Ciò è stato possibile grazie alla costituzione della cooperativa La Bella di Cerignola, di cui è presidente il conte Stefano Pavoncelli.